Tu sei qui: Home

Federazione delle BCC di Puglia e Basilicata

Benvenuti nel sito

La Federazione delle BCC di Puglia e Basilicata costituisce l'organismo associativo di secondo grado delle Banche di Credito Cooperativo aventi sede legale nelle Regioni Puglia e Basilicata.

La Società, ispira la propria attività ai principi della mutualità e della solidarietà propri della tradizione del Credito Cooperativo e opera senza fini di speculazione privata.

Essa, al fine di promuovere la sana e prudente gestione delle Banche di Credito Cooperativo socie, opera per favorirne lo sviluppo e rafforzarne la stabilità, promuove coerenti relazioni fra le stesse e ne valorizza l’agire nell’interesse dei soci, dei loro clienti e delle comunità di riferimento.

impresa

La Società – in ossequio agli articoli 2602, 2615-ter e 2620 del codice civile nonché all’art. 27 del D.Lgs.C.P.S. 14 dicembre 1947, n. 1577 e successive modifiche ed integrazioni – promuove:

1) il consolidamento del rapporto che le Banche di Credito Cooperativo associate intrattengono con le comunità locali di cui sono espressione;

2) lo sviluppo delle Banche di Credito Cooperativo associate mediante l’esercizio di attività di interesse comune, di rappresentanza, di controllo dei rischi, di formazione continua dei componenti dei loro organi sociali, della dirigenza e degli altri collaboratori, di assistenza ed erogazione dei servizi;

3) la sana e prudente gestione come obiettivo e linea di indirizzo per l’autonomia responsabile di ogni singola Banca di Credito Cooperativo associata; a tal fine essa opera anche quale articolazione territoriale e tramite ordinario dei Fondi di Garanzia del Credito Cooperativo, in base alle discipline ad essi applicabili. Le modalità di realizzazione di tale obiettivo, la scelta dei parametri di riferimento ed il loro monitoraggio, nonché gli obblighi a riguardo di ogni singola Banca di Credito Cooperativo associata, sono stabiliti in apposito regolamento, redatto sulla base di linee guida predisposte dalla Federazione nazionale di categoria, approvato dall’Assemblea ordinaria, su proposta del Consiglio di amministrazione;

4) la costituzione di Banche di Credito Cooperativo tenendo conto delle linee guida emanate a riguardo dalla Federazione Nazionale di categoria (Federcasse).

scelte

La Società, per il conseguimento dei propri scopi, svolge in proprio o anche attraverso società o enti partecipati, direttamente o dalle banche socie:

a) attività istituzionali e di rappresentanza e attività di promozione;

b) attività di compliance, assistenza, consulenza e formazione;

c) attività di internal audit, verifica, revisione, controllo dei rischi e altre attività nei confronti delle Banche di Credito Cooperativo associate, al fine di promuovere la sana e prudente gestione, anche nella propria funzione di articolazione territoriale e tramite ordinario dei Fondi di Garanzia del Credito Cooperativo;

d) ogni altra attività delle quali le vigenti disposizioni consentano l’esternalizzazione da parte delle banche socie.

La Società svolge, in base ad un’apposita convenzione con la Federazione Nazionale di categoria, la revisione cooperativa delle Banche di Credito Cooperativo associate.

 

Citando il sito ufficiale del Credito Cooperativo http://www.creditocooperativo.it

"Le Banche di Credito Cooperativo e Casse Rurali rappresentano un sistema che si regge attorno a specifiche normative - a partire dall' articolo 45 della Costituzione - che ne fanno un unicum nel panorama creditizio italiano. La caratteristica principale delle BCC-CR è quella di essere società cooperative per azioni, mutualistiche e locali, sostenute dal principio "una testa un voto.

Un sistema nato come risposta ad un'idea economica che ha radici profonde nel contesto sociale della fine dell'Ottocento. Ispirandosi al nuovo pensiero cristiano sociale della enciclica di Leone XIII, la Rerum Novarum, il movimento della cooperazione di credito ha fatto dell'intermediazione bancaria la risposta alle esigenze della persona, innanzitutto quella di sconfiggere l'usura dilagante".